burn-out mobbing e malattie da stress

 

BURN-OUT, MOBBING E MALATTIE DA STRESS
Il rischio psico-sociale e lo stress lavoro-correlato


Ferdinando Pellegrino, Giuseppe Esposito
Positive Press, 2019



acquista eBook

 

 

 

Le recenti innovazioni normative in materia di sicurezza sul lavoro hanno iniziato a fare chiarezza sulle patologie da stress lavoro-correlato sollecitando le aziende, pubbliche e private, ad essere più attente ai danni causati da una gestione impropria delle risorse umane.
Si sta finalmente prendendo atto dei cambiamenti avvenuti negli ultimi anni che riflettono le mutate condizioni culturali, lavorative e sociali nel mondo del lavoro e che risultano ancora in continua evoluzione e trasformazione ma che comunque sollecitano competenze professionali sempre più elevate.
Cambia così lo scenario dei modelli tradizionali di esposizione al rischio verso un modello integrato richiamato con efficacia dal D.Lgs 81 del 2008 che prevede, a salvaguardia del benessere del lavoratore, una maggiore attenzione alla prevenzione delle patologie da stress lavoro-correlato.
In realtà lo stress lavorativo si presenta in una dimensione trasversale che coinvolge tutte le professioni e tutti i livelli professionali e tende a compromettere anche la funzionalità dell’organizzazione aziendale.
Un individuo stressato commette più errori, si ammala di più, rende di meno, si relaziona agli altri con difficoltà, non regge i ritmi dell’azienda, favorisce l’insorgenza di conflitti in ambito lavorativo, si vede notevolmente ridotta la propria qualità di vita, perde ogni motivazione progettuale rispetto a se stesso, all’ambiente di lavoro, alla società.
L’efficacia dei nuovi strumenti normativi consiste nell’aver riconosciuto che, accanto alle patologie da rischi noti (prevalentemente in attenuazione), acquistano sempre maggior rilievo le patologie da rischi emergenti derivanti dal rischio psicosociale definito come l’impatto che il mondo del lavoro ha sull’individuo.
Gli Autori, nel libro, affrontano le principali argomentazioni del rischio psicosociale, dalla clinica agli aspetti più strettamente normativi, dedicando un capitolo alle nuove frontiere della psicologia del positivo: il fitness cognitivo-emotivo.
Consapevoli che gli spunti proposti non risultano affatto esaustivi, si ritiene che possano essere considerati come un valido contributo in un ambito in continua e fluttuante evoluzione


INDICE
Introduzione
PARTE 1 Le patologie da rischi emergenti
Capitolo 1 Stress lavorativo e malattia professionale - Ferdinando Pellegrino
Capitolo 2 La sindrome del burn-out - Ferdinando Pellegrino
Capitolo 3 Il Mobbing - Ferdinando Pellegrino
Capitolo 4 Stress e benessere: il fitness cognitivo-emotivo - Ferdinando Pellegrino
PARTE 2 Il rischio stress lavoro-correlato sui luoghi di lavoro
Capitolo 5 Il quadro normativo - Giuseppe Esposito
Capitolo 6 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato - Giuseppe Esposito
Capitolo 7 La formazione in azienda: obbligo ed opportunità - Giuseppe Esposito
Letture consigliate

voglia di cambiare

Voglia di cambiare
- cosa chiedersi per stimolare il cambiamento
- risorse disponibili
- imparare a pensare
- riorganizzare le risorse
- obiettivo crescita
- autostima e autoefficacia
- essere pratici
strategie di addestramento - il fintess cognitivo-emotivo -

essere o non essere leaderDefinire il ruolo dell’individuo in un mondo che cambia, nel tentativo di fornirgli gli strumenti psicologici che lo aiutino a realizzare i progetti intrapresi, a farne altri, e a rafforzare sempre meglio la propria capacità di autonomia e funzionalità. Ciò attraverso l’apprendimento di specifiche strategie di addestramento – il fitness cognitivo-emotivo – che comportino un complessivo miglioramento dello stile di vita.


personalità e autoefficaciaEsiste un modo per accrescere il proprio talento, per essere leader di se stesso.
La psicologia del positivo si pone come paradigma fondamentale per lo sviluppo di stili di vita vincenti, attraverso percorsi formativi innovativi. Il cambiamento di prospettiva è determinante e radicale; oggi si parte dal presupposto che la mente umana, nei suoi aspetti cognitivi ed emotivi, possiede le enrgie sufficienti per creare le condizioni che favoriscono la crescita di personalità mature ed efficcaci, con confini ben strutturati ed un IO consapevole e forte.

imparare a pensare

Imparare a pensare

DO
Dove Andare?
CO Cosa trovare?
PO Quali possibilità?
SO Selezionare e Sviluppare "la possibilità"
GO Agire

... Il processo che rende le persone più soddisfatte e sicure, più libere!

Come risolvere i problemi e imparare a progettare