disturbi dell'alimentazione

 

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: DALL'ANORESSIA ALL'OBESITÀ

 

Ferdinando Pellegrino, G. Del Buono, G. Ruggiero, V. Attanasio
eBook - C.G. Edizioni Medico Scientifiche

acquista eBook

 

 


I DISTURBI DELL’ALIMENTAZIONE - G. Del Buono
Introduzione ed epidemiologia
Storia
Sintomi
- Un caso clinico: Anna
Bulimia
Bed
L’ipotesi transdiagnostica, transnosografica dei disturbi alimentari. Esiste un solo disturbo alimentare?
Cause dei disturbi alimentari
 - Fattori biologici (genetici e biochimici)
- Fattori di rischio psicosociali
Comorbidità
Complicanze mediche
Terapia e gestione di un DCA
- Intervento nutrizionale
Alleanza terapeutica
Quale psicoterapia?
- Anoressia nervosa
- Bulimia nervosa
Bed
Terapia farmacologica
Gestione
Esistono disturbi dell’alimentazione atipici, che necessitano di una classificazione più puntuale?
- Sindrome da alimentazione notturna, “Nocturnal Eating Syndrome” (NES)
- Drunkoressia
- Vigoressia (o bigoressia)
- Ortoressia
- Diabulimia

L’APPROCCIO SISTEMICO-RELAZIONALE NEI DISTURBI DELL’ALIMENTAZIONE - G. Ruggiero, V. Attanasio
Introduzione
- L’ambiente familiare
- Approccio terapeutico

ASPETTI PSICOLOGICI E PSICOPATOLOGICI DELL’OBESITÀ - F. Pellegrino

voglia di cambiare

Voglia di cambiare
- cosa chiedersi per stimolare il cambiamento
- risorse disponibili
- imparare a pensare
- riorganizzare le risorse
- obiettivo crescita
- autostima e autoefficacia
- essere pratici
strategie di addestramento - il fintess cognitivo-emotivo -

essere o non essere leaderDefinire il ruolo dell’individuo in un mondo che cambia, nel tentativo di fornirgli gli strumenti psicologici che lo aiutino a realizzare i progetti intrapresi, a farne altri, e a rafforzare sempre meglio la propria capacità di autonomia e funzionalità. Ciò attraverso l’apprendimento di specifiche strategie di addestramento – il fitness cognitivo-emotivo – che comportino un complessivo miglioramento dello stile di vita.


Esiste un modo per accrescere il proprio talento, per essere leader di se stesso.
La psicologia del positivo si pone come paradigma fondamentale per lo sviluppo di stili di vita vincenti, attraverso percorsi formativi innovativi. Il cambiamento di prospettiva è determinante e radicale; oggi si parte dal presupposto che la mente umana, nei suoi aspetti cognitivi ed emotivi, possiede le enrgie sufficienti per creare le condizioni che favoriscono la crescita di personalità mature ed efficcaci, con confini ben strutturati ed un IO consapevole e forte.

imparare a pensare

Imparare a pensare

DO
Dove Andare?
CO Cosa trovare?
PO Quali possibilità?
SO Selezionare e Sviluppare "la possibilità"
GO Agire

... Il processo che rende le persone più soddisfatte e sicure, più libere!

Come risolvere i problemi e imparare a progettare

Template Age Themes |Image by Freepic |Hosting by DataShack